Il chiostro delle rane (ovvero del Bramante)

20140827_104706Una lettrice mi ha segnalato come luogo silenzioso preferito il chiostro del Bramante della meravigliosa Chiesa di S.Maria delle Grazie . Quasi tutti la conoscono per via del capolavoro di Leonardo l’Utima Cena che è stato realizzato nell’ex refettorio del convento  ma vale una visita anche solo la chiesa!  Vi consiglio di entrare da via Caradosso, sarete piacevolmente sorpresi dal trovarvi in un magnifico chiostro. Al centro gorgheggia una deliziosa fontana con delle simpatiche rane. Se alzate lo sguardo la tribuna del Bramante che si staglia nel cielo vi allieterà la vista. In alcune giornate se avete la fortuna di capitare in un momento tranquillo quando il chiostro è senza troppi visitatori e socchiudete gli occhi vi sembrerà di tornare indietro al tempo di  Leonardo20140827_104324

Advertisements

Il silenzio a Milano..

20140627_110957 modChi dice che Milano non è silenziosa?  ci sono momenti e luoghi in cui anche a Milano c’è silenzio.  ..certo sono momenti speciali e luoghi particolari ma a chi non è mai capitato di trascorrere alcuni giorni d‘estate e girovagare per le vie deserte della città? oppure all’alba dopo una lunga notte ?  o anche il 25 dicembre all’ora di pranzo? poco prima alle 12-12.45 si attraversa la città in preda ad un traffico demoniaco e poi finalmente dopo le 13.00 quando tutti sono a casa o al ristorante le vie si svuotano come d’incanto.Ci sono poi  luoghi che in alcuni orari sono super affollati e invece in certi pomeriggi d’estate sono deserti.. ecco qui  all’Arco della Pace solo i cavalli di Napoleone mi stavano scrutando,  la piazza infatti era vuota..Milano è silenziosa anche durante i fine settimana senz’auto, sembra quasi una città di campagna.. che magiche dormite mi sono fatta quando veniva deciso lo stop delle auto! Milano è silenziosa anche  quando nevica.. la sera prima hai  annusato l ‘aria gelida , le previsioni meteo  lo confermano, ti metti a letto ma  non ci credi fino al mattino dopo quando vieni svegliato dal silenzio! Ma si può venire svegliati dal silenzio? a me è capitato ! sopratutto se  abiti in una via trafficata quando nevica i coraggiosi che usano la macchina sono rarissimi e la maggior parte preferisce usare i mezzi o spostarsi a piedi..

Milano è silenziosa di sabato nelle università..IMG_4042 modse volete scoprire i magnifici chiostri della Cà Granda  (ex ospedale ) ora Università Statale in  via festa del Perdono il sabato mattina è un momento unico.. perchè ci sono davvero pochi studenti, ovviamente se non è periodo di esami.Milano è silenziosa nelle chiese che comunque sono per antonomasia luoghi di silenzio e tranquillità. Alcuni anni fa mi ricordo che mi trovavo in Via Torino e mi prese la curiosità di entrare in una chiesa dove non ero mai stata  S.Maria presso S.Satiro.

20140128_102027 mod 20140128_103014 modAppena entrata fui colpita dal constrasto stridente del silenzio e dell’atmosfera di raccolgimento della chiesa ( mi parve di sentire addirritura la musica di un canto gregoriano di sottofondo) con i i suoni e i rumori esterni. Fu un momento magico, arricchito poi dalla sorpresa della finta abside del Bramante ( vedere per credere) . Se siete entrati date un ‘occhiata anche alla cappella laterale  destra, il Sacello di S.Satiro  che era una struttura ottagonale che fu costruita ancora prima della chiesa per conservare le relique del martire Satiro. Tra colonne paleocristiane e rinascimentali si può ammirare una  meravigliosa  composizione  di statue di terracotta che rappresentano la Pietà realizzate nel Rinascimento da Agostino da  Fondulis. Sembrano quasi vive ma paralizzate in un momento preciso, in silenzio ovviamente! Milano è silenziosa se visitate un museo ma dipende da che museo e in che orario ! Un museo davvero straordinario non solo per le opere che espone ma anche per la struttura e  per la sua antica storia è senz’altro la Pinacoteca Ambrosiana. Ci sono stata solo due volte in giorni e orari diversi della settimana e sempre ho trovato grande quiete. Vi devo dire che generalmente mi piace ammirare le opere d’arte con calma e senza fretta . Per ammirare la bellezza ho bisogno di quiete. Ecco le sale dell’Ambrosiana sono perfette. Le sale si affacciano su un ampio antico cortile, un cortile silenzioso .

20140711_123453 mod

e poi ovviamente Milano è silenziosa se vi capita di entrare nei cortili del centro..Sono entrata nel cortile del palazzo Bagatti Valsecchi   in via del gesù e poi in un palazzo in via Senato dove si trova l’associazione biblioteca di via Senato. Lasciate il trambusto dietro di voi, spegnete il telefono e  fermatevi per un attimo in un angolo del cortile con discrezione  il silenzio e il mistero vi avvolgeranno, vi sentirete come trasportati in altri epoche e potrete ascoltare le voci delle persone che hanno vissuto, lavorato e studiato nella Milano di un tempo.

cortile via senato mod 20140806_125617 mod

Le vetrate del Duomo

Quando esco dalla metro per raggiungere il centro mi viene sempre un tuffo al cuore alla vista della nostra maestosa cattedrale . La facciata è superba con gli enormi portoni d’ingresso riccamente decorati e scolpiti ( sono cinque, si entra solo da due portoni laterali).

vetrata sinistra absideLa nostra Mariae Nascenti venne costruita nel 1386 su iniziativa del signore di Milano Gian Galeazzo Visconti  che per la costruzione del Duomo acquistò addirittura  le cave di marmo di Candoglia vicino al Lago maggiore. Vennero chiamati a prestare la loro opera diversi artisti, non solo lombardi ma provenienti da tutta Europa , per questo gli storici dell’arte per definire il Duomo utilizzano il termine gotico internazionale.

Il capoluogo lombardo già allora richiamava il miglior fiore della creatività e del genio europeo!

Appena varcato l’ingresso mi sento piccola piccola di fronte agli altissimi pilastri che svettano dall’ingresso e percorrrono tutta la navata  incorniciando la zona dell’altare . Ho scoperto che sono ben 52!
Mentre percorro le navate mi sembra di avventurarmi in una foresta , i pilastri sono come alberi , maestosi , imponenti , davvero alti.
Sul lato di ogni navata, come ogni cattedrale gotica che si rispetti sono state realizzate nei secoli ricche vetrate policrome , alcune sono originali ma la maggior parte è stata sostituita con copia dell’originale. Ogni vetrata ha una storia particolare legata al momento storico e all ‘artista che la realizzò. Furono realizzate da artisti lombardi ed europei, alcuni nomi : Stefano Pandino, Nicolo da varallo, Niccolò de bonaventuris, Biagio Arcimboldi.

Le vetrate più grandi sono quelle collocate nella parte più antica della cattedrale, nel battistero. Nicolò de bonaventuris parigino contribuì a realizzare i disegni delle vetrate dell’abside.
20140619_122719 abside vetrate 2
La vetrata centrale riguarda le Storie dell’apocalisse, le vetrate laterali le Storie dell’Antico e del Nuovo Testamento. Dopo averle ammirate dietro il tornacoro, quando tornate indietro a metà navata giratevi e ammirate la vetrata centrale in tutto il suo splendore con uno sfavillante sole che sembra illuminare la navata centrale .
Ora vi propongo una personale selezione delle vetrate più particolari. Non vuole essere una guida dettagliata di tutte le vetrate ma una mia selezione.
NAVATA DESTRA
1) le vetrate sulla storia di Caterina d’Alessandria realizzate dalla famiglia Arcimboldo (le vetrate sono posizionate in fondo).
vetrate s.caterina arcimboldo
2) le vetrate dei due vescovi Schuster e Ferrari di recenti realizzazione (le vetrate sono posizionate a metà della navata ). Hanno colori molto moderni e vivaci

vetrata cardinali schuster e ferrari
3) Vetrate cinquecentesche (vicino al mauseoleo Visconti in fondo ).

20140619_132932
NAVATA SINISTRA
-la prima a sinistra raffigura le  Storie del Re Davide dell’artista Aldo Carpi che realizzò nel 1934.

navata sinistra vetrata storie del re david
Vetrate dei Quattro santi coronati, da notare le strutture architettoniche tipiche del Rinascimento , molto ben definite spiccano sul fondo del cielo azzurro.

20140619_121011
Vetrate dell’ arcangelo Michele :rappresentano l’eterna lotta tra bene e male, un groviglio di angeli e diavoli tra forconi rossi , fremiti di ali, teste che si accappigliano, movimenti convulsi , tratti decisi e colori forti e audaci , la mia preferita !

s.michele arcangelo 2
Il Duomo è una cattedrale dalla storia ricca e complessa , fu iniziato del 1386 e terminato nell’ 800 ma ancora non è mai finito . Oggi c’è sempre qualche ponteggio per lavori di abbellimento e rifacimento . All’interno per visitarla bene ci si può impiegare anche 3 -4 ore. Nelle navate si susseguono pale d’altare , monumenti funebri di arcivescovi, principi la maggior parte uomini religiosi e politici che si sono successi nei secoli. Il Duomo è un sostantivo maschile .. ma indica la cattedrale e  l’ essenza della cattedrale è femminile, è infatti una cattedrale dedicata alla Madre di Gesù , la Madonna in particolare a Maria nascente  Marie nascenti , la cui festa è la festa della natività di Maria  l’8 di settembre.

Sono molti i dettagli che mi fanno capire che questa cattedrale è dedicata al culto mariano. All’interno sul portone centrale una splendida vetrata che raffigura la Madonna, sulla navata destra in fondo la  presentazione della Vergine al tempio dello scultore Bambaia , sembra quasi un dipinto , la vergine bambina è rappresentata mentre è nell’atto di salire la grande scalinata, un ‘immagine delicata di forte impatto scenografico.

20140619_130339 20140619_114642

Termino la mia visita ed esco all’aperto e questa volta e proprio sulla guglia più alta ammiro la Madonnina che con i suoi 4, 16 metri di splendore dorato osserva il frenetico movimento dei passanti  che ogni giorno per lavoro, piacere e studio attraversano la piazza .

Per informazioni sulla visita al Duomohttp://www.duomomilano.it/it