Travelling with babies..

20140605_144330[1]

on the road.

We left Milan for a short break holiday tour: Rome and then Argentario. Our smiling toddler Agata is almost 15 months, the only must-have for her is a big bottle of milk when she wakes up in the morning. This little creature that until recently was fed on milk now she devours  pasta alla norma, ravioli, ricotta, steamed fish, potatoes ..obviously all chopped up ..
After these important premises I will try to tell you our journey omitting family stories but trying to share our experiences to help those who are traveling with children.
On the road again..
BEFORE DEPARTURE:
– Time to play Before leaving, let them move, or play a little bit. We had plan to leave at9.00. We all woke up at 7.40, I prepared her bottle of milk and then she played until 8.30 when we were ready to go.
– Planning : Planning in advance it’s a rule when you normally travels that becomes a must when you are traveling with children . It’s preferable to estimate at least 30 minutes .The children require at least a half an hour longer … for the last diaper of course, but also to make up your mind and last check .-Toys and change bags at your disposal: It’s important to prepare two bags, one containing toys for the travel, and another bag containing all the necessary for baby change (wipes, diapers). When you load the car be careful to keep the bags close to you and baby traveler. Details, but there are life-changing.
-Two pacifiers are better than one! if your heir is a pacifier user, I recommend to bring one more! I remember a trip back from Tuscany with our newborn 40 days old screaming behind us !! we didn’t realize but at the service area the pacifier had fallen .. since then we decided that the two pacifiers are better than one!
TRAVELLING
You can sleep, you can play, you can eat and also sing!
Here we started, the first half hour was quiet. Agata looked out the window the Lombardy countryside, before chatting with us then talked with her teddy finally begun snoozing. In fact the young lady collapsed, but after an hour and a half she was awake and she was quite thirsty and dazed but still in very good mood.If you are traveling in summer time is a must to always have at your disposal fresh water. Between water and juices water is better.
And when you wake up? Which are the best travel toys ?
This time we took soft small books, soft rubber animals and little music instruments. The type of game obviously depends on the age of the child. Perfect toys for travel are coloring books (with pencils if you do not want to paint the whole car). Also songs and fairies tales are very good ideas when you travel. My daughter is still too young for fairy tales but she likes songs and when she listens to music she starts clapping her hands !
Lunch: it’s better not change the schedules, even though we’re traveling. Our little daughter is used to eat between 12-12, 30. So near Florence we stopped to autogrill Cisa Chef Express. It was the right time. Besides, if you stop at this hour soon it’s not crowdy. This service area is worth to mention it because it is new, well equipped and the self-service there are also high chairs for toddlers.
After lunch, and a small expresso ( for us not for the baby) we had to going on with our travel and this was the hardest time! Systematically only after half an hour we were travelling ,we must stop for another diaper change! After this last stop finally our little devil started sleeping but it was just half an hour before arriving at Rome and took the exit to Grandma’s house! Typical
Summarizing our schedule : departure time at 9.00 am from Milan, arrival at 15.00 in Rome with almost an hour lunch break near Florence. Positive mood of parents and baby calm.
Obviously, this is our experience , surely the toys and eating habits change depending on age ..
Agata first travel was when she was one month older and since then we have never stopped. Travelling with children is not hard, you have just to be very well organized and you must anticipate their needs.

I think that the most important elements for babies travelers are the rituals, let me explain better .Whether you are traveling by car or by plane if you let them playing ,if you have lunch always at the same time, bring their favorite toys and create good conditions for a good nap ..These are the basic and you can be sure that everything will be fine!
Although not everything can be fine, however travelling with children is always fun !
And you’re ready to go? where are you going this summer?

 

Advertisements

In viaggio con i bambini …

È arrivato il caldo e così siamo partiti stamattina per una vacanza a tappe : prima a Roma dai nonni e poi Argentario. Ora la nostra piccolina Agata ha quasi 15 mesi, l’unico must per lei è un bel biberon di latte quando si sveglia alla mattina. Per il resto mangia come noi, grazie ai dentini (ora ne ha 8) , e grazie anche al fatto che è golosa di natura e non ha nessuna preclusione . Questo piccolo esserino che fino a ieri si nutriva di latte ora divora dalla pasta alla norma ai ravioli, dalla ricotta al pesce al vapore ovviamente tutto sminuzzato.
Fatte queste importanti premesse vi racconterò il nostro viaggio omettendo cronache familiari che non interessano ma cercando di condividere le nostre esperienze per dare una mano a chi viaggia con i bambini, chi vorrebbe viaggiare e a chi sta viaggiano, non ha bambini e guarda con orrore famiglie con bambini che osano viaggiare !!!

20140605_144330[1]

on the road again


PRIMA DELLA PARTENZA :
– prima di partire fateli scatenare, muovere o giocare un pò . Noi stamattina volevamo partire alle 9.00. La piccola si è svegliata alle 7.40, le ho preparato il suo biberon di latte e poi è stata a giocare e curiosare tra di noi mentre chiudevano le valigie ..infine si erano fatte le 8.30 ed eravamo pronti (tattica la scelta di preparare la sera prima tutto).
1)calcolate bene i tempi : secondo me  è preferibile calcolare almeno 30minuti in più dei vostri orari normali. I bimbi richiedono almeno una mezz’ora in più… per l’ultimo pannolino ovviamente ma anche per fare mente locale e ricordarsi di aver preso tutto .
2)giochi, borse e tutto il necessario a disposizione :è fondamentale preparare una borsa con i loro giochi e una normale con i cambi ( salviette, pannolini). Oggi io mi ero dimenticata le salviette, per fortuna avevo comunque portato un asciugamano e il sapone così non ci siamo trovati in difficoltà.
3)quando caricate la macchina  le borse dei giochi e del cambio tenetele a disposizione vicino a a voi o al piccolo. Sono dettagli ma vi cambiano la vita.

4)un ciuccio di riserva : se il vostro erede è un utilizzatore di ciuccio , raccomando di portarne uno di scorta. Ricordo un viaggio di ritorno dalla Toscana con un fagotello urlante dietro perchè non ci eravamo accorti ma all’area di servizio le era caduto il ciuccio  ..da allora abbiamo deciso che  l’acquisto con l’A maiuscola era il porta ciuccio.

IN VIAGGIO
si dorme , si gioca , si mangia e si canta !!
Ecco siamo partiti, la prima mezzora è tranquilla. La sora Agata guarda fuori dal finestrino la campagna lombarda , prima parlotta con noi  poi  chiacchiera con il suo orso infine comincia la sonnolenza. La macchina in generale ha un  effetto soporifero  ed il vostro piccolo potrebbe dormire..
Infatti la damina crolla, ma dopo un oretta e mezza è sveglia ed è piuttosto assetata e stordita ma comunque di ottimo umore.
Se viaggiate d’estate un must è avere sempre a portata di mano dell’ acqua fresca. Tra acqua e succhi meglio l’acqua disseta di più .
E quando si sveglia? Quali giochi in viaggio?
Io mi porto : librini morbidi e di carta, pupazzetti di gomma e strumentini musicali . Il tipo di gioco ovviamente dipende dall’età del bambino . Da evitare giochi che precludano troppi movimenti ma preferibili giochi tranquilli, anche album da colorare ( con le matite se non volete dipingere tutta la macchina). E poi in macchina funzionano alla grande storie e canzoni. La mia è ancora troppo piccola per le fiabe ma le canzoni e la musica la divertono molto e quindi oggi mi sono armata di tanta pazienza e ho rinfrescato le canzoncine che mi ricordavo. Per fortuna era arrivata l’ora di pranzo .
Pranzo: Io consiglio di non scombinare gli orari dei piccoli, anche se siete in viaggio. Agata quando è con noi mangia di solito alle 12.-12,30 , oggi quindi oltrepassata  Firenze  ci siamo fermati all’autogrill Cisa di Chef express . Era l’orario giusto. Oltretutto se vi fermate così presto c’è anche poca gente. Questo punto è da segnalare perché nuovo, ben attrezzato con area per il cambio e nella parte del self service c’è anche  il seggiolone.
Dopo pranzo, cambio pannolino e un momento di gioco.. ma poi bisogna ripartire e questo è il momento più duro! Anche se ho cercato di farla sgranchire e camminare un po’ all’area di servizio l’idea di farla risalire in macchina è durissima!Macchinina_di_legno

Si riparte.. Anche se li avete cambiati, è sistematico che dopo una mezz’ora che avete ripreso il viaggio si debba fermarsi per un altro cambio pannolino, io consiglio sempre di fare un a sosta perchè andare avanti col bimbo isterico e col culetto pieno non è sano ne porta benefici :)Con un po’ di pazienza dopo un pò di urla e canti si riaddormenta .. proprio mezz’ora prima di arrivare al grande raccordo anulare e di imboccare l’uscita per casa di nonna! Tipico.

Ricapotolando : partenza ore 9.00 da Milano , arrivo ore 15.00 a Roma con un ‘ora di pausa pranzo dopo Firenze . Umore  dei rispettivi genitori positivo e bimba serena.

Questa è la nostra esperienza poi ovviamente i giochi e le abitudini alimentari mutano a seconda dell’età..
Agata ha fatto il suo primo viaggio ad un mese di vita , sempre in macchina e da allora non ci siamo mai fermati. Io non credo che viaggiare con i bambini sia difficile bisogna solo essere un poco organizzati e prevedere le loro necessità. Come d’altronde già facciamo tutti i giorni. Aggiungo solo un pensiero da mamma ( e non da psicologa o da educatrice) secondo me  quello che conta per loro non è tanto la casa o o il cibo ma i riti e le persone , cioè mi spiego meglio.. sia che  viaggiate in auto o  in areo cercate di farli comunque giocare e muoversi , pranzate alla stessa ora che a casa ,  portate i  loro giochi  preferiti o pensate aad attività che possono allietare il viaggio e se magari riescono anche  riposare un pochino ecco è perfetto. Queste sono le cose  fondamentali.. e state certi che tutto il resto andrà benissimo ..

E poi anche se se non va proprio tutto benissimo, comunque viaggiare ora in 3 o 4 è ancora più divertente…

E voi siete pronti a partire ? dove andrete quest’estate ?